L´ESPERENZIA DI LUBECCA

Schermata 2019-05-16 alle 10.23.26

MICROTUNNELING IN TORBA

L´ESPERENZIA DI LUBECCA

LA VALUTAZIONE COMPLESSIVA DEI FATTORI HA INDIVIDUATO NEL GRES A SPINTA L´UNICA SOLUZIONE SOSTENIBILE.

„Entsorgungsbetriebe Lübeck, gestisce nella città anseatica di Lubecca una rete lunga circa 1000 Km, costituita essenzial- mente da 391 Km di tubazioni per acque nere e 382 Km di tuba- zioni per l´acqua piovana e di superficie. Per 135 Km le acque reflue vengono smaltite da un sistema misto e per ulteriori 78 Km da tubazioni a pressione. Nel „Geniner Ufer“, un tratto di riva del Canale Trave, sono stati da poco sostituiti con la tecnica del microtunneling 630 metri di tubazioni per acque nere danneggiate.

Una combinazione impegnativa

Le difficili condizioni geologiche e del terreno nell´area di Lubecca pongono diversi problemi: rinterri, strati compatti di torba, sabbia fine, limo e argilla distribuiti in modo non omo- geneo e acqua di falda a diversi livelli. La scelta del metodo di posa appropriato dipende quindi sia da una conoscenza precisa del sottosuolo del sito sia da un´accurata valutazione dei diversi metodi disponibili e delle condizioni di traffico.

Un’attenta valutazione

Le carotature lungo il Geniner Ufer hanno rivelato il seguente scenario: tre metri di terreno smosso, una falda acquifera e uno strato non omogeneo di sette metri costituito da torba (torba di paluda da poco a molto decomposa) con depositi di sabbia fine. Al di sotto si trovano sabbie contenenti una seconda falda in pressione, cosiddetta artesiana. Dopo una complessa e accurata progettazione e un´attenta valuta-zione delle condizioni geologiche e delle varie tecniche di posa e di spinta disponibili, Entsorgungsbetriebe Lübeck ha deciso di sostituire i 630 metri di fognatura con tubi a spinta in gres ceramico.

Una posa “pulita”

Nel novembre 2013, dopo l´assegnazione della gara, il consorzio ARGE Geniner Ufer, comprendente le imprese Bergemann-Gräper GmbH & Co. KG di Lubecca, Echterhoff GmbH & Co KG di Amburgo e interra Microtunnelbau GmbH di Crimmitschau ha iniziato i primi lavori di preparazione dello scavo. É stato realizzato un pozzetto di partenza di 3200 mm di diametro a una profondità di circa 6,50 m, nel mezzo dello strato di torba. Dal fondo del pozzetto i tubi in gres ceramico DN 400 sono stati spinti nel terreno tramite un macchinario AVM 400 della Herrenknecht AG. Prima di iniziare il lavoro, è stato necessario scavare un pozzo in profondità, proprio di fianco al pozetto di partenza, per ridurre la pressione della seconda falda (artesiana) che si trova subito sotto lo strato di torba. In questo modo sono state raggiunte lunghezze di posa che vanno dai 50 m agli 85 m. Una volta concluse le operazioni di spinta, sia il pozzetto di partenza DN 3200 che il pozzetto di arrivo DN 2600 sono stati convertiti in pozzetti d´ispezione.

Una copertura dei costi “ordinaria”

Anche se posati in un terreno particolarmente difficile come la torba, le tubazioni in gres ceramico svolgeranno la loro funzione in maniera affidabile, sicura e sostenibile. Entsorgungsbetriebe Lü-beck ha calcolato l´ammortamento in 70 anni. I costi per la sosti-tuzione delle tubazioni possono essere ampiamente coperti dalla normale tariffa sulle acque reflue.

Written By

Daniela Farnedi diplomata in lingue dal 1988 lavora in Società del Gres. Per molti anni è stata responsabile Vendite estero e dall’entrata della società nel Gruppo Steinzeug-Keramo è responsabile Customer Service. Si occupa delle relazioni con la casa madre e delle attività di marketing tra cui la gestione di questo blog. E-mail : d.farnedi@gres.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *