Nuovo programma pozzetti: dall’orizzontale al verticale

29 Schacht DN 1000

La Società del Gres è ora in grado di offrire al mercato un sistema completo ad altissima resistenza alla corrosione, dalla tubazione fino al pozzetto d’ispezione.
Il nuovo programma pozzetti KeraPort della Società del Gres permette di integrare nella dimensione verticale i vantaggi globali che distinguono i tubi e pezzi speciali in gres nella dimensione orizzontale: durabilità, resistenza alla corrosione e tenuta perfetta nel trasporto delle acque reflue. La corrosione da acido solforico o la corrosione del calcestruzzo non costituiscono più un problema.

I pozzetti sono strutture indispensabili per il funzionamento ottimale di una rete fognaria, in quanto garantiscono l’accesso alla canalizzazione per l’ispezione, la pulizia e la riparazione, oltre alla ventilazione dell’impianto fognario riducendo così i processi di corrosione e la formazione di gas.
I pozzetti sono importanti anche dal punto di vista tecnologico ed ecologico. Infatti, in caso di cattiva tenuta, le acque reflue possono fuoriuscire e contribuire all’inquinamento ambientale. In presenza di acqua di falda essi costituiscono potenziali punti di ingresso in fognatura di forti infiltrazioni che possono compromettere le prestazioni dei depuratori.
Ottimizzare la costruzione e la manutenzione dei pozzetti è dunque un obiettivo comune dei gestori di reti. L’impiego di materiali di elevata qualità e resistenti alla corrosione per la costruzione e il risanamento dei pozzetti non è solo un imperativo tecnologico e ambientale ma anche un fattore ad alta rilevanza economica. La DWA, associazione tedesca per acqua potabile, acque reflue e rifiuti, nella relazione sullo “stato delle fognature in Germania” (2009) ha identificato i danni a chiusini e telai come una delle cause più comuni di malfunzionamento dei pozzetti (37%). Secondo le stime della DWA il fabbisogno annuo di investimenti per il risanamento dei pozzetti è di 250 – 500 milioni.

Resistenza alla corrosione e tenuta perfetta
Che si tratti della tenuta idraulica o della risposta statica ad eventi esterni di tipo meccanico o dinamico, la risposta garantita dal sistema di tubi e raccordi in gres dipende anche dai pozzetti, che si integrano perfettamente con tutti i componenti in gres della rete e ne diventano parte integrante.

I componenti sono:
• base in gres con rivestimento interno in poliuretano disponibile in DN 600, DN 800, DN 1000
• base in gres con rivestimento in mattonelle di gres in DN 1200 e DN 1400 su richiesta.

I pozzetti in gres hanno:
• elevata resistenza chimica
• resistenza agli attacchi corrosivi biogeni di acido solforico
• resistenza elevata alla pulizia ad alta pressione
• elevata resistenza statica grazie ai grandi spessori (es. oltre 100 mm dal DN 1000).

I pozzetti in gres sono:
• indeformabili e resistenti alla corrosione
• stabili al galleggiamento
• ecologici, sostenibili, economici e durevoli nel tempo
• facilmente “adattabili” alle misure imposte dal cantiere
• di facile movimentazione grazie agli appositi ganci che permettono un’installazione semplice e salvaspazio.

SCARICA PDF

pozz con scaletta

Written By

Daniela Farnedi diplomata in lingue dal 1988 lavora in Società del Gres. Per molti anni è stata responsabile Vendite estero e dall’entrata della società nel Gruppo Steinzeug-Keramo è responsabile Customer Service. Si occupa delle relazioni con la casa madre e delle attività di marketing tra cui la gestione di questo blog. E-mail : d.farnedi@gres.it

2 Comments

  • Buongiorno
    La nostra società deve procedere al rewamping di 2 impianti (con due vasche di servizio) per il candeggio dei tessuti con clorito.

    Si tratta di circa 70 m2 totale di rivestimento attualmente in gres ceramizzato o similare che andrebbero sostituiti.
    Son due vasche tonde diam. 2,25 m con una altezza di circa 2 m e due vasche quadre 2.10 x 1,60 x 1,5.

    Può la vostra tecnologia esserci di aiuto ?.
    Servirebbero anche due pompe con lo stesso trattamento (28 m3/h – 8 m c.a.) per le parti a contatto con il bagno.
    La temperatura ciclo può arrivare fino a 90°C.

    Potete esserci compagni del percorso ?

    Grazie per una vostra comunque gradita risposta.
    Ottonello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *